Crostata ai frutti di bosco

Un grande classico della pasticceria homemade

Porzioni:
10

Difficoltà: Facile

Realizzazione: 70′

Per porzione: 166 kcal

Crostata ai frutti di bosco

Un grande classico della pasticceria homemade

porzioni

Porzioni:
10

tempo

Realizzazione: 70′

difficoltà

Difficoltà:
Facile

kcal

Per porzione:
166 kcal

INGREDIENTI E DOSI:

Farina 00:
250 gr

Burro:
125 gr

Zucchero:
110 g

Uovo:
1

Tuorlo:
1

Scorza di limone:
1/2

Marmellata di frutti di bosco:
350 gr

PREPARAZIONE

crostata

Step 1

Apr 08

Togli il burro dal frigo 15-20 minuti prima di iniziare a impastare e poi unisci tutti gli ingredienti (eccetto la marmellata). Impasta con cura ed energicamente per ottenere un composto uniforme.

Step 2

Apr 08

Copri con la pellicola la palla di pasta frolla e fai riposare in frigo per 30′. Nel frattempo imburra una teglia da forno da 28 cm di diametro e alta 3 cm.

Step 4

Apr 08

Con la pasta di avanzo (solitamente un terzo) taglia delle strisce per formare la classica griglia della crostata e poi metti in forno a 180 C per 25′.

Step 3

Apr 07

Passati i 30′ stendi la pasta e ricopri il fondo della teglia, mettendo da parte la pasta in eccesso. Crea dei piccoli buchi con una forchetta nell’impasto e stendi uniformemente la marmellata ai frutti di bosco.

I CONSIGLI DELL’ESPERTO

Diabete

I dolci dovrebbero essere consumati insieme a una fonte di fibre, a colazione è poco probabile mangiare le verdure, ma si possono aggiungere 30 g di noci che hanno 2 g di fibre.

Ipercoelsterolemia

I prodotti confezionati contengono spesso grassi idrogenati che aumentano la colesterolemia; per questo è meglio prediligere i dolci fatti in casa anche se, in questo caso, la ricetta prevede uova e burro.

Ipertensione

L’eccesso di zuccheri e grassi comporta l’aumento di peso che è strettamente correlato all’aumento della pressione arteriosa. Di conseguenza, non eccedere con i dolci.

Insufficienza renale

Ricetta da limitare fortemente poiché il burro e l’uovo contengono molto fosforo. Per limitare l’apporto di potassio utilizzare marmellata di mela, pera, susina, fragola, ciliegia e non di arance o fichi.

Diabete

I dolci dovrebbero essere consumati insieme a una fonte di fibre, a colazione è poco probabile mangiare le verdure, ma si possono aggiungere 30 g di noci che hanno 2 g di fibre.

Ipercoelsterolemia

I prodotti confezionati contengono spesso grassi idrogenati che aumentano la colesterolemia; per questo è meglio prediligere i dolci fatti in casa anche se, in questo caso, la ricetta prevede uova e burro.

Ipertensione

L’eccesso di zuccheri e grassi comporta l’aumento di peso che è strettamente correlato all’aumento della pressione arteriosa. Di conseguenza, non eccedere con i dolci.

Insufficienza renale

Ricetta da limitare fortemente poiché il burro e l’uovo contengono molto fosforo. Per limitare l’apporto di potassio utilizzare marmellata di mela, pera, susina, fragola, ciliegia e non di arance o fichi.

Anna Menasci
Dietista, specializzata in nutrizione in malattie renali, dialisi e diabete 1-2. Eroga consulenze nutrizionali per patologie, per il dimagrimento e si occupa dell’educazione alimentare di bambini e donne in gravidanza. È Consigliere Commissione d’Albo Dietista Ordine TSRM PSTRP PI-LI-GR.

STUDIARE ALLUNGA LA VITA

Investire nell’istruzione non è solo un investimento nell’individuo, ma anche nella salute e nel benessere della società

5 ATTIVITÀ PER MIGLIORARE LA MEMORIA

Stimolare la funzione cognitiva man mano che l’età avanza può fare la differenza per migliorare le prestazioni mentali

LA DIETA MEDITERRANEA, STILE DI VITA PER LA TERZA ETÀ

Protegge dall’insorgenza di malattie croniche e contribuisce a garantire una vita sana e attiva