Farro freddo al Pesto

Il piatto freddo ideale per una giornata al mare

Porzioni:
2

Difficoltà: Facile

Preparazione: 15′

Cottura: 20/30′

Per porzione: 466 kcal

Farro freddo al Pesto

Il piatto freddo ideale per una giornata al mare

porzioni

Porzioni:
2

tempo

Preparazione: 15′

Cottura: 20/30′

difficoltà

Difficoltà:
Facile

kcal

Per porzione:
466 kcal

INGREDIENTI E DOSI

Basilico:
60 g

Parmigiano:
50 g

Olio e Sale:
50 ml – 2 g

Pinoli:
30 gr

Aglio:
1 spicchio

Farro:
160 g

PREPARAZIONE

FarroAlPesto

Step 1

Lug 19

Lava e asciuga nell’apposita centrifuga il basilico.

Step 2

Lug 19

Una volta pronto, mettilo nel frullatore insieme al parmigiano grattugiato, i pinoli, l’aglio privato dell’anima e il sale grosso e inizia a frullare.

Step 3

Lug 19

Aggiungi l‘olio extravergine di oliva continuando a frullare fino ad ottenere una crema omogenea.

Step 4

Lug 19

Fai cuocere in acqua poco salata il farro per 20-30 minuti e poi unisci gli ingredienti.

I CONSIGLI DELL’ESPERTO

Il farro è uno dei tanti cereali da poco riscoperto nella nostra alimentazione: è ricco di carboidrati complessi, vitamine, minerali ma soprattutto di fibre. È da prediligere il farro decorticato che ha molte più fibre rispetto a quello perlato.

Le fibre, oltre a ridurre l’assorbimento dei grassi e degli zuccheri, aumentano il senso di sazietà. Per tale motivo un’alimentazione ricca di fibre aiuta a prevenire il sovrappeso, l’obesità e la sindrome metabolica.

Anche i pinoli sono ricchi di fibre. Allo stesso tempo, sono molto calorici e hanno un alto contenuto di grassi polinsaturi. Se mangiati nelle giuste quantità, però, i pinoli contribuiscono a ridurre il colesterolo totale e la frazione LDL colesterolo, ovvero quello cattivo. In aggiunta, apportano una buona dose di vitamine liposolubili E (antiossidanti) e K (importanti per la coagulazione).

Il basilico, infine, è un’ottima fonte di vitamina C, ferro, calcio e carotenoidi: in particolare il betacarotene, precursore della vitamina A e fondamentale per la vista, la pelle e il sistema immunitario.

Il farro al pesto non è un piatto completo.
Bisogna aggiungere le verdure, ad esempio i fagiolini, come vorrebbe la tradizione ligure, e la frutta, così da rispettare il piatto sano di Harvard

Diabete

Questo piatto unico è indicato per i pazienti diabetici poiché il farro è ricco di fibra, come la pasta integrale (6,5 g nel farro, 7g nella pasta integrale per 100 g).

Ipercoelsterolemia

Il parmigiano contiene 94 mg di colesterolo per 100 g, quindi non aggiungerne ulteriormente a piatto ultimato.

Ipertensione

Il sale grosso presente nella ricetta e il parmigiano (sodio 446mg per 100g) rendono questa ricetta mediamente salata. Se vogliamo ridurne il contenuto si può sostituire il sale grosso con del peperoncino tritato.

Insufficienza renale

Il farro può essere sostituito con pasta aproteica in caso di dieta ipoproteica-ipofosforica, ma l’elevato contenuto di potassio della frutta secca e di fosforo del parmigiano fanno si che questa ricetta debba essere utilizzata con parsimonia.

Diabete
Questo piatto unico è indicato per i pazienti diabetici poiché il farro è ricco di fibra, come la pasta integrale (6,5 g nel farro, 7g nella pasta integrale per 100 g).

Ipercoelsterolemia
Il parmigiano contiene 94 mg di colesterolo per 100 g, quindi non aggiungerne ulteriormente a piatto ultimato.

Ipertensione
Il sale grosso presente nella ricetta e il parmigiano (sodio 446mg per 100g) rendono questa ricetta mediamente salata. Se vogliamo ridurne il contenuto si può sostituire il sale grosso con del peperoncino tritato.

Insufficienza renale
Il farro può essere sostituito con pasta aproteica in caso di dieta ipoproteica-ipofosforica, ma l’elevato contenuto di potassio della frutta secca e di fosforo del parmigiano fanno si che questa ricetta debba essere utilizzata con parsimonia.

Anna Menasci
Dietista, specializzata in nutrizione in malattie renali, dialisi e diabete 1-2. Eroga consulenze nutrizionali per patologie, per il dimagrimento e si occupa dell’educazione alimentare di bambini e donne in gravidanza. È Consigliere Commissione d’Albo Dietista Ordine TSRM PSTRP PI-LI-GR.

COSA RAPPRESENTA OGGI
ESSERE NONNI?

L’importanza del ruolo educativo dei nonni nei confronti dei nipoti all’interno del nucleo familiare


LA GIUSTA ALIMENTAZIONE
PARTE DAGLI ADULTI

Perché gli adulti dovrebbero essere d’esempio per i più piccoli anche dal punto di vista alimentare

POLPETTE DI LENTICCHIE CON HUMMUS

Il giusto mix di lenticchie e spezie, ideale per grandi e piccoli!