Polpette di piselli

La fonte proteica per chi ha problemi di masticazione

Porzioni:
12 polpette di media grandezza

Difficoltà: Facile

Tempo di realizzazione stimato: 40’ + 1 h riposo in frigorifero + 20′ forno

Calorie per porzione: 236 kcal

Polpette di piselli

La fonte proteica per chi ha problemi di masticazione

porzioni

Porzioni:
12 polpette di media grandezza

tempo

Tempo di realizzazione stimato: 40’ + 1 h riposo in frigorifero + 20′ forno

difficoltà

Difficoltà:
Facile

kcal

Calorie per porzione
236 kcal

INGREDIENTI E DOSI:

Piselli secchi:
125 g

oppure congelati:
450 g

Pane grattugiato:
4 cucchiai 40 g

Sedano :
mezza costa

Carota:
1

Cipolla rossa:
¼

Patate:
200 g

Uovo:
1 albume

Basilico:
1 ciuffo

Aglio:
1 spicchio

Sale:
q.b.

Pepe:
q.b.

Curcuma:
mezzo cucchiaino

Olio extravergine di oliva:
1 cucchiaio 10 ml

PREPARAZIONE

PISELLI

STEP 1

Dic 14

Metti in ammollo nell’acqua i piselli secchi per 6-8 ore, per poi scolarli e cuocerli con sedano, carota e cipolla eliminando tutta l’acqua. Condisci poi i piselli con prezzemolo, sale, pepe, curcuma e aglio e frulla tutto con un frullatore a immersione.

STEP 2

Dic 14

Aggiungi ai piselli due albumi d’uovo così da creare un composto morbido e omogeneo. Fai riposare in frigo per almeno un’ora e, a seguire, aggiungi una patata lessa precedentemente schiacciata con una forchetta.

STEP 3

Dic 14

Forma delle polpette delle dimensioni di un palmo di mano e ricoprile di pangrattato mischiato con la curcuma. Infine fai cuocere le polpette in forno con un filo di olio evo a 200°C per 30-40 minuti girandole a metà cottura.

I CONSIGLI DELL’ESPERTO

Le persone con problemi di masticazione hanno spesso una dieta povera di proteine a causa della difficoltà di masticare in modo corretto carne e pesce. Troppo spesso ricorrono ad alimenti morbidi come il formaggio e le uova, che andrebbero consumati con parsimonia a causa dell’elevato contenuto di colesterolo. I legumi invece sono proteine vegetali di facile masticazione, e questa ricetta vuole essere una gustosa alternativa ai passati di verdura.

Il consumo di legumi al posto della carne e del pesce è raccomandato almeno 3/4 volte alla settimana proprio perché ridurre il consumo di alimenti di origine animale. Se non si è abituati al consumo frequente di legumi si consiglia di iniziare con quelli decorticati che provocano meno disturbo gastro intestinali.

I legumi sono proteine non complete ma affinché abbiano tutti gli aminoacidi completi come quelle ad alto valore biologico della carne, del pesce, delle uova e del latte, devono essere associate alle proteine dei cereali. Per cui si deve aggiungere a questa ricetta del pane/piadina integrale o riso integrale o cous cous in modo tale che questo pasto apporti tutte le proteine necessarie. In questo modo avremo un piatto con carboidrati complessi, proteine sane, e fibre, senza però assumere proteine animali, grassi saturi e colesterolo.

Infine per rispettare il piatto sano, oltre ai cereali deve essere aggiunta un’abbondante porzione di verdura e una di frutta.

Diabete

Le linee guida AMD- SID consigliano il consumo di legumi in sostituzione della carne almeno 3 volte alla settimana, poiché il diabete è la prima causa al mondo di insufficienza renale, e una dieta a base di cibi vegetali è associata a un minor rischio di malattia renale cronica CKD. Per ridurre l’indice glicemico dei legumi sarà utile aggiungere un cucchiaio di aceto o di limone all’acqua di ammollo.

Ipercolesterolemia

I legumi in quanto alimenti di origine vegetale non contengono colesterolo, per cui sono il miglior modo di sostituire il secondo piatto e avere tutte le proteine necessarie al fabbisogno quotidiano.

Ipertensione

La ricetta è caratterizzata dalla presenza di spezie ed erbe aromatiche con cui si può abbondare a proprio gusto, appunto per limitare il consumo di sale.

Insufficienza renale

Ricetta adatta nel caso in cui la dieta ipoproteica ipofosforica con prodotti aproteici venga alternata alla dieta vegan. Si ricorda di bollire in abbondante acqua i piselli in modo tale da ridurne il contenuto di potassio.

Diabete

Le linee guida AMD- SID consigliano il consumo di legumi in sostituzione della carne almeno 3 volte alla settimana, poiché il diabete è la prima causa al mondo di insufficienza renale, e una dieta a base di cibi vegetali è associata a un minor rischio di malattia renale cronica CKD. Per ridurre l’indice glicemico dei legumi sarà utile aggiungere un cucchiaio di aceto o di limone all’acqua di ammollo.

Ipercolesterolemia

I legumi in quanto alimenti di origine vegetale non contengono colesterolo, per cui sono il miglior modo di sostituire il secondo piatto e avere tutte le proteine necessarie al fabbisogno quotidiano.

Ipertensione

La ricetta è caratterizzata dalla presenza di spezie ed erbe aromatiche con cui si può abbondare a proprio gusto, appunto per limitare il consumo di sale.

Insufficienza renale

Ricetta adatta nel caso in cui la dieta ipoproteica ipofosforica con prodotti aproteici venga alternata alla dieta vegan. Si ricorda di bollire in abbondante acqua i piselli in modo tale da ridurne il contenuto di potassio.

Anna Menasci
Dietista, specializzata in nutrizione in malattie renali, dialisi e diabete 1-2. Eroga consulenze nutrizionali per patologie, per il dimagrimento e si occupa dell’educazione alimentare di bambini e donne in gravidanza. È Consigliere Commissione d’Albo Dietista Ordine TSRM PSTRP PI-LI-GR.

I BENEFICI DELLE RELAZIONI FAMILIARI NEGLI ANZIANI

I nipoti come chiave per una vita prolungata e soluzione all’esclusione sociale

L’AMORE È TUTTA QUESTIONE DI CERVELLO

Il cervello è l’organo associato all’amore, più del cuore

ANIMALI DA COMPAGNIA IN TERZA ETÀ, UN LEGAME CHE FUNZIONA

Benefici e sfide della vita degli anziani con animali da compagnia