FAQ sulla corretta alimentazione in inverno

La dietista Anna Menasci risponde alle domande più comuni su come alimentarsi nei mesi invernali

“Lettera alla dietista” è il nuovo format di WimedYou che mette al centro le domande, dubbi e richieste dei lettori su diverse tematiche legate alla corretta alimentazione. Il tema di questo mese è l’alimentazione in inverno.

FAQ sulla corretta alimentazione in inverno

La dietista Anna Menasci risponde alle domande più comuni su come alimentarsi nei mesi invernali

“Lettera alla dietista” è il nuovo format di WimedYou che mette al centro le domande, dubbi e richieste dei lettori su diverse tematiche legate alla corretta alimentazione. Il tema di questo mese è l’alimentazione in inverno.

1: PERCHÈ IN INVERNO DOVREMMO CAMBIARE LE NOSTRE ABITUDINI ALIMENTARI?

Il freddo che caratterizza i mesi invernali determina un abbassamento della temperatura corporea. Questo provoca un dispendio energetico maggiore che va integrato con un apporto maggiore di carboidrati (cereali) e proteine (carni bianche, legumi, pesce); diversamente i grassi, non devono variare in base alla stagione ma rimangono standard per tutto l’anno.

2: QUALI SONO LE SCORRETTE ABITUDINI PIÙ COMUNI IN INVERNO?

Sicuramente in inverno le persone tendono a fare meno attività fisica e a trascorrere più tempo in casa, in cui la noia e la continua disponibilità di cibo può portare ad aumento ponderale davvero significativo; se combiniamo questo alla necessità di mangiare di più, quello che ne consegue è un maggior rischio di prendere peso. A questo si aggiunge il periodo natalizio e le numerose occasioni di incontro intorno ad una tavola in cui si tende a consumare più cibi ipercalorici, dolci e alcool.

Se non si può fare a meno dei dolci, il consiglio è di prediligere il cioccolato fondente perché ricco di magnesio che incide favorevolmente sui disturbi dell’umore.

3: CHE ALIMENTI PREDILIGERE DURANTE LA STAGIONE INVERNALE?

In generale, è importante rispettare la stagionalità degli alimenti e magari anche la sostenibilità acquistando alimenti a km 0. In inverno, quindi, il consiglio è di consumare più:

  • Agrumi e kiwi perché ricchi di vitamina C che favorisce la produzione di collagene, struttura di sostegno del derma, che rende la pelle più resistente al freddo;
  • Legumi (come fagioli, ceci, piselli e lenticchie) che contengono fibra e ferro;
  • Crucifere (come broccoli, spinaci, cavolfiori) anche questi ricchi di vitamina C ma anche di vitamina A, che agisce favorevolmente sul sistema immunitario;
  • Aglio e cipolla perché svolgono un’azione antibatterica;
  • Frutta secca (come le noci) perché forniscono un buon apporto di zinco che aiuta a combattere gli stati di raffreddamento.

4: IN INVERNO LO STIMOLO DELLA SETE È MINORE, È GIUSTO BERE MENO ACQUA?

La risposta è no. Il fabbisogno idrico rimane sempre 2 litri d’acqua per le donne e 2,5 litri per gli uomini: questo valore però può aumentare se si vive in località di montagna, a causa del freddo e dell’aria rarefatta tipica dell’alta quota.

Per rimediare alla mancanza di sete, si può optare per infusi, tisane, the preparati in casa che sono delle valide alternative all’acqua; da evitare le bevande già pronte o delle macchinette perché ricche di zuccheri.

Anna Menasci
Dietista, specializzata in nutrizione in malattie renali, dialisi e diabete 1-2. Eroga consulenze nutrizionali per patologie, per il dimagrimento e si occupa dell’educazione alimentare di bambini e donne in gravidanza. È Consigliere Commissione d’Albo Dietista Ordine TSRM PSTRP PI-LI-GR.

CONSIGLI ALIMENTARI
PER CHI HA DIFFICOLTÀ MOTORIE

Come alimentarsi quando si ha difficoltà di movimento, a causa di una disabilità motoria o patologie chirurgiche

ALIMENTAZIONE E NATALE: COME COMPORTARSI?

Spunti e suggerimenti utili per vivere al meglio le feste senza rinunciare alla convivialità e al gusto

LA GIUSTA ALIMENTAZIONE
PARTE DAGLI ADULTI

Perché gli adulti dovrebbero essere d’esempio per i più piccoli anche dal punto di vista alimentare