Il futuro della sanità tra AI e innovazione tecnologica

Il nuovo AI Act rappresenta un passo cruciale per l’uso dell’AI in ambito sanitario

Il futuro della sanità tra AI e innovazione tecnologica

Il nuovo AI Act rappresenta un passo cruciale per l’uso dell’AI in ambito sanitario

Wimed è un marchio del gruppo Movi, distributore di dispositivi medici all’avanguardia per il mercato italiano, da oltre 100 anni orientato all’innovazione tecnologica. In quest’ottica osserva con attenzione l’evolversi di soluzioni avanzate, in particolare oggi guarda all’intelligenza artificiale (AI) che può rappresentare una risorsa fondamentale per migliorare l’efficacia e l’efficienza dei servizi sanitari. Ciò aumentando la qualità delle cure, migliorando i risultati per i pazienti.

Come? Vediamolo insieme.

L’AI nel settore sanitario

L’AI sta facendo passi da gigante in vari settori della sanità. Le applicazioni più diffuse includono:

  • Diagnosi mediche: viene utilizzata per analizzare scansioni e immagini mediche, aiutando i medici a identificare malattie in fase precoce con maggiore precisione.
  • Terapie innovative: grazie all’AI, è possibile scoprire e sviluppare nuove terapie, personalizzate in base al profilo del paziente.
  • Selezione dei pazienti e pianificazione delle cure: algoritmi avanzati supportano i medici nella selezione dei pazienti per trattamenti specifici e nella pianificazione delle cure più efficaci.
  • Monitoraggio della salute: l’AI consente un monitoraggio continuo dello stato di salute dei pazienti, migliorando la gestione delle malattie croniche.

Preoccupazioni e sfide

Nonostante le potenzialità, l’uso dell’AI in sanità presenta anche delle sfide significative. Tra le principali preoccupazioni, la privacy e la sicurezza dei dati sanitari. L’ampliamento dell’accesso ai dati personali potrebbe infatti minare l’autonomia e la riservatezza degli individui. Inoltre, i dati sanitari sono spesso imperfetti o parziali, e l’uso di tali dati per sviluppare sistemi di AI potrebbe perpetuare discriminazioni e disuguaglianze.

AI Act

L’AI Act, regolamento europeo sull’intelligenza artificiale, recentemente approvato dal Parlamento Europeo, rappresenta un passo cruciale per la regolamentazione dell’uso dell’AI, soprattutto in ambito sanitario. Questo regolamento enfatizza la protezione dei dati personali e la privacy, imponendo norme rigorose per la raccolta, l’elaborazione e l’uso dei dati sanitari.

Per le aziende sanitarie e gli operatori del settore l’AI Act comporta diverse implicazioni:

  • La raccolta e l’elaborazione dei dati sanitari devono essere limitate allo stretto necessario per fini specifici come la diagnosi, la cura o la ricerca medica.
  • È essenziale ottenere il consenso informato dai pazienti, garantendo che questi siano adeguatamente informati sull’uso dei loro dati.

Nonostante le sfide legate alla privacy e alla sicurezza dei dati, le opportunità offerte dall’AI sono immense, permettendo diagnosi più precise, terapie personalizzate e un monitoraggio continuo della salute dei pazienti. L’AI Act europeo garantisce un quadro regolatorio che tutela i dati personali, assicurando un uso etico e sicuro dell’AI in ambito sanitario: è quindi fondamentale per le aziende del settore continuare a investire e innovare, sfruttando al massimo le potenzialità dell’intelligenza artificiale per offrire un’assistenza sanitaria sempre più avanzata e centrata sul paziente.

WIMED E LE FRONTIERE DELL’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità è stata un’opportunità per mostrare nuovi soluzioni nell’assistenza sanitaria

WIMED PORTA L’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità sarà un’importante occasione commerciale per Wimed

INSIEME PER COSTRUIRE IL TEAM

L’analisi del Sales Meeting 2024 di Wimed