Il paese ritrovato: un luogo nato per fare la differenza

A Monza il primo villaggio in Italia dedicato alle persone con demenza e affette da Alzheimer

Il paese ritrovato: un luogo nato per fare la differenza

A Monza il primo villaggio in Italia dedicato alle persone con demenza e affette da Alzheimer

WimedYou racconta le iniziative di valore e i progetti innovativi come il “Paese ritrovato” realizzato dalla Cooperativa Meridiana, nata nel 1976 come un’associazione di volontariato e che oggi gestisce centri diurni per anziani, RSA, RSD, Hospice, alloggi protetti e centri di aggregazione per anziani.  

Marco Fumagalli, coordinatore della attività educative della Cooperativa e tra i fondatori del Paese ritrovato, condivide l’ispirazione dietro la creazione di questo progetto:

«Dal 2000 ci siamo dedicati con particolare attenzione alle persone con fragilità cognitiva e demenza. Questa esperienza ci ha spinti a cercare un approccio diverso e, ispirandoci ai villaggi Alzheimer, nel 2018, abbiamo dato vita al primo villaggio di questo genere in Italia».

Un nuovo approccio alla cura
Il Paese ritrovato rappresenta una svolta nell’approccio alla cura dell’Alzheimer, mettendo in luce l’importanza della comunità e della normalità nella vita quotidiana delle persone affette da questa malattia. Una delle sue caratteristiche distintive è la personalizzazione della cura, che considera non solo gli aspetti sanitari, ma anche delle risorse relazionali, cognitive, affettive e motorie di ciascun individuo.

«Quello che riusciamo a fare nel Paese ritrovato è unire una serie di elementi che in ambiti istituzionali e sanitari risultano complessi, come ad esempio l’approccio col familiare. Per questo organizziamo una serie di attività ed eventi con il contributo di familiari, residenti, operatori e volontari con l’obiettivo di coinvolgere anche i familiari nella cura, facendo loro capire il lavoro dietro le quinte».

Ma come si svolge la vita nel villaggio? Fumagalli racconta:

«Il Paese ritrovato non è soltanto un centro di assistenza, bensì un vero e proprio villaggio in cui le persone affette da Alzheimer risiedono in appartamenti protetti, godendo di una vita attiva e sociale. Qui possono muoversi liberamente tra piazze, negozi e servizi, assicurando loro un senso di normalità e appartenenza».

Tra le attività svolte all’interno del villaggio emergono anche delle attività terapeutiche mirate alla stimolazione cognitiva e motoria, che vengono svolte in un contesto libero e non costrittivo e dove ogni individuo è libero di scegliere le attività che preferisce, favorendo il proprio benessere e il mantenimento delle loro capacità. 

Il personale specializzato è sempre presente per offrire supporto e assistenza attraverso dispositivi non invasivi, mantenendo un equilibrio tra l’autonomia dell’individuo e il supporto necessario per affrontare le sfide quotidiane.

Il progetto inoltre si avvale delle più recenti tecnologie dell’Ambient Assisted Living e di nuove metodologie di analisi e gestione per offrire un monitoraggio continuo, assistenza e supporto sia nelle strutture protette che a domicilio.

Un ulteriore risultato ottenuto in relazione a questo progetto, spiega Fumagalli, è la creazione del docufilm La Memoria delle Emozioni, andato in onda su Rai3 il 21 settembre 2023, frutto di una collaborazione con la Rai e attualmente in tour nei teatri d’Italia:

«Questo film offre uno sguardo ravvicinato sulla vita e sulle storie dei residenti, dei familiari, degli operatori e dei volontari che abitano nel Paese ritrovato. Il suo scopo è porre l’attenzione sulla serenità ritrovata, sulle emozioni e sull’empatia che caratterizzano questo piccolo paese, e allo stesso tempo mira a sensibilizzare il pubblico televisivo su temi socialmente rilevanti».

Marco Fumagalli

Coordinatore Progetti e
Comunicazione La Meridiana

www.cooplameridiana.it

WIMED E LE FRONTIERE DELL’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità è stata un’opportunità per mostrare nuovi soluzioni nell’assistenza sanitaria

WIMED PORTA L’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità sarà un’importante occasione commerciale per Wimed

INSIEME PER COSTRUIRE IL TEAM

L’analisi del Sales Meeting 2024 di Wimed