Il Progetto “Nonno clicca qui”

Il tour nei centri anziani d’Italia per la digitalizzazione degli over 65

Il Progetto “Nonno clicca qui”

Il tour nei centri anziani d’Italia per la digitalizzazione degli over 65

A maggio è partito il tour nei centri anziani d’Italia del progetto “Nonno clicca qui”, promosso dal MOIGE (Movimento Italiano Genitori) in collaborazione con la Fondazione Longevitas. L’iniziativa ha l’obiettivo di avvicinare gli anziani al mondo digitale, superando le barriere tecnologiche e favorendo la connessione intergenerazionale.

La Fondazione

La Fondazione Longevitas si dedica a promuovere la longevità positiva e a costruire un ambiente condiviso che favorisca l’inclusione sociale, l’attività e il benessere nella società longeva. L’obiettivo è abbattere le barriere sociali e culturali legate all’età, favorendo la responsabilità e il legame intergenerazionale per costruire equità e stabilità a lungo termine. Collaborando con istituzioni, enti e associazioni, la Fondazione si impegna a promuovere un cambiamento educativo e socioculturale sul tema dell’invecchiamento, generando iniziative innovative, intergenerazionali, inclusive e sostenibili che creano valore per tutti.

Inizio del tour: la prima tappa di Aprilia

Il CSA Campoverde di Aprilia, prima tappa del tour, apre le porte a nonni e nipoti per avviare un dialogo sul tema dell’educazione tecnologica. Qui, i nonni sono invitati a imparare a utilizzare strumenti e dispositivi moderni e a navigare sul web, grazie alle lezioni impartite dai loro nipoti.

Il gap generazionale e le competenze digitali

Il progetto nasce dalla necessità di colmare un significativo gap generazionale: solo il 4,4% degli adulti tra i 65 e i 74 anni possiede competenze digitali e informatiche di base. Questo dato è paradossale considerando che molti over 65 ancora lavorano e utilizzano quotidianamente almeno un PC. Il progetto mira a ridurre questo divario, favorendo l’inclusione digitale degli anziani.

Le tappe del tour

Il tour prevede 20 tappe realizzate nei centri anziani in collaborazione con la Fondazione Longevitas. L’obiettivo è duplice: avvicinare due generazioni agli antipodi con modalità comunicative diverse e colmare un gap digitale che ha escluso la fascia più adulta della popolazione. L’iniziativa raggiungerà anche 80 istituti scolastici, coinvolgendo circa 4.000 nonni e 1.600 ragazzi provenienti da scuole secondarie di primo e secondo grado.

I vantaggi del progetto

I benefici del progetto sono molteplici:

  • Interazione intergenerazionale: per promuovere il dialogo tra giovani e anziani, riducendo la distanza tra le generazioni.
  • Educazione alla cybersicurezza: una delle principali tematiche dei webinar che accompagneranno l’iniziativa, coinvolgendo docenti, genitori e ragazzi, per un totale stimato di circa 20.000 famiglie beneficiarie.
  • Autonomia digitale: attraverso il metodo learning by doing, i nonni parteciperanno ad attività pratiche su diversi dispositivi (PC, tablet e smartphone), diventando autonomi nell’uso della tecnologia.

Con questo tour, il progetto si propone di creare un ponte tra generazioni, facendo sì che la conoscenza tecnologica diventi un patrimonio condiviso, contribuendo alla costruzione di una società più inclusiva e interconnessa.

WIMED E LE FRONTIERE DELL’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità è stata un’opportunità per mostrare nuovi soluzioni nell’assistenza sanitaria

WIMED PORTA L’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità sarà un’importante occasione commerciale per Wimed

INSIEME PER COSTRUIRE IL TEAM

L’analisi del Sales Meeting 2024 di Wimed