L’apnea per ringiovanire il cervello

Questo trattamento rappresenta una rivoluzione nella riabilitazione cognitiva

L’apnea per ringiovanire il cervello

Questo trattamento rappresenta una rivoluzione nella riabilitazione cognitiva

WimedYou pone attenzione a tematiche relative al benessere delle persone anziane e sostiene la ricerca e l’adozione di nuove terapie che possano migliorare la qualità della vita nella terza età. Tra queste, l’ossigenoterapia iperbarica (OTI) sembrerebbe un trattamento medico in grado di favorire la guarigione di lesioni e la rigenerazione cellulare. Si tratta di una terapia che prevede la somministrazione di ossigeno puro in una camera pressurizzata e ha recentemente trovato applicazione in ambiti più ampi grazie alla sua capacità di migliorare la rigenerazione dei tessuti e le funzioni cognitive.

Studi e ricerca

Il medico israeliano Shai Efrati, noto a livello mondiale per le sue ricerche sulle malattie del cervello e sull’ossigenoterapia, è stato recentemente invitato in Italia dal professor Gerardo Bosco per un convegno dell’Università di Padova sulla medicina iperbarica. Durante la sua visita, Efrati si è immerso in apnea nella piscina con acqua termale più profonda del mondo: la Y-40 The Deep Joy di Montegrotto Terme. I suoi studi clinici stanno dimostrando come questo trattamento migliori le funzioni neurocognitive. Attualmente, Efrati si sta concentrando sugli effetti rigenerativi dell’ossigeno iperbarico su:

  • Lesioni cerebrali come ictus
  • Sindrome post-commozione cerebrale
  • Long Covid
  • Stress post-traumatico
  • Malattia di Alzheimer
  • Declino funzionale relativo all’età

Il futuro della riabilitazione cognitiva

Le ricerche di Efrati stanno aprendo nuove strade nella medicina riabilitativa e nel trattamento delle malattie neurodegenerative. L’ossigenoterapia iperbarica si sta dimostrando un potente strumento non solo nella cura delle lesioni cerebrali, ma anche nel contrastare i processi degenerativi legati all’invecchiamento.

Tra i punti chiave delle scoperte di Efrati:

  • miglioramenti significativi nelle funzioni cognitive di pazienti affetti da malattie neurodegenerative
  • potenziale nel rallentare il declino cognitivo legato all’età
  • importanza crescente in una società con un’aspettativa di vita aumentata e una crescita delle malattie legate all’invecchiamento.

Con ulteriori ricerche e sperimentazioni cliniche, questa terapia potrebbe diventare un pilastro fondamentale nella medicina del futuro, offrendo nuove speranze a milioni di persone affette da malattie neurodegenerative e da altri disturbi legati all’invecchiamento.

WIMED E LE FRONTIERE DELL’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità è stata un’opportunità per mostrare nuovi soluzioni nell’assistenza sanitaria

WIMED PORTA L’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità sarà un’importante occasione commerciale per Wimed

INSIEME PER COSTRUIRE IL TEAM

L’analisi del Sales Meeting 2024 di Wimed