L’Italia lancia il G7 – Inclusione e Disabilità

Un impegno storico per la piena partecipazione

L’Italia lancia il G7 – Inclusione e Disabilità

Un impegno storico per la piena partecipazione

L’Italia si appresta a lanciare il primo G7 ministeriale dedicato all’Inclusione e alla Disabilità, un passo significativo che testimonia il suo impegno verso una società più equa. Un annuncio che porta con sé una carica di significato profondo, emanando un forte messaggio di impegno e solidarietà verso le persone con disabilità non solo nel nostro Paese, ma in tutto il mondo.

La conferenza di presentazione

È stata la Ministra per le Disabilità, Alessandra Locatelli, a comunicare questa nuova iniziativa durante una conferenza stampa che ha segnato il culmine di una riunione straordinaria dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. Questa riunione è coincisa con la Giornata internazionale delle persone con disabilità, un momento simbolico per porre l’attenzione su questioni cruciali legate all’inclusione e alla parità di diritti.

Il G7 – Inclusione e Disabilità si terrà dal 14 al 16 ottobre 2024 in Umbria. Questo evento non solo riunirà i ministri del G7 responsabili delle politiche sulla disabilità, ma rappresenterà anche un’importante piattaforma per condividere strategie e impegni finalizzati a contrastare le discriminazioni e garantire a tutti il diritto alla piena partecipazione civile, sociale e politica. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di mettere al centro della discussione il concetto di “persona”, valorizzando le capacità e i talenti di ciascun individuo, e di coinvolgere attivamente istituzioni, settore privato e cittadini per promuovere una crescita inclusiva delle comunità.

Temi emergenti

Durante la conferenza stampa sono emersi temi fondamentali per la piena inclusione e partecipazione delle persone con disabilità. In particolare, si è discusso dell’importanza della tecnologia nel migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità, nonché della necessità di affrontare le sfide legate all’integrazione lavorativa attraverso una maggiore attenzione alla formazione e alla riqualificazione professionale.

Il vicepresidente dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro (ANMIL), David Magini, ha sottolineato l’urgenza di affrontare il tema degli infortuni sul lavoro e delle disabilità ad essi correlate, auspicando un impegno concreto nel superare le principali forme di discriminazione. Magini ha inoltre evidenziato la necessità di stimolare un dialogo aperto con i professionisti del settore tecnologico per favorire soluzioni innovative nell’ambito protesico.

Prossimi passi

In chiusura dell’incontro, la Ministra Locatelli ha annunciato la nomina del coordinatore tecnico-scientifico e dei coordinatori dei cinque gruppi di lavoro dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. Questi gruppi si concentreranno su diverse aree cruciali, dall’accessibilità universale alla promozione del progetto di vita, dall’attenzione al benessere e alla salute all’inclusione lavorativa.

Con questa nuova direzione, l’Osservatorio nazionale avrà il compito di redigere il nuovo Piano nazionale per le Disabilità, un documento che si prefigge di essere firmato dal Presidente della Repubblica entro un anno. Si apre così un capitolo fondamentale nella lotta per l’inclusione e la parità di diritti delle persone con disabilità, un impegno che l’Italia porta avanti con determinazione e visione verso un futuro più equo e solidale per tutti.

WIMED E LE FRONTIERE DELL’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità è stata un’opportunità per mostrare nuovi soluzioni nell’assistenza sanitaria

WIMED PORTA L’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità sarà un’importante occasione commerciale per Wimed

INSIEME PER COSTRUIRE IL TEAM

L’analisi del Sales Meeting 2024 di Wimed