La disabilità nei film

Come il mondo del cinema e dell’intrattenimento rappresenta la disabilità?

La disabilità nei film

Come il mondo del cinema e dell’intrattenimento rappresenta la disabilità?

La rappresentazione delle minoranze e della diversità è sempre più un tema promosso dal mondo del cinema e dell’intrattenimento. Perché? Da un lato c’è la volontà del settore di diventare sempre più inclusivo e dall’altra un interesse economico.

Le persone con disabilità, infatti, rappresentano una delle minoranze più numerose al mondo e corrispondono a 1,2 miliardi della popolazione mondiale. In America, inoltre, rappresentano il terzo mercato più grande dopo i Baby Boomers e il mercato maturo. Il Nieslen Research valuta la disabilità come un segmento da 1 miliardo di dollari, ma il valore arriva a 1 trilione di dollari se si considerano anche le loro famiglie, amici e colleghi.

In che modo, però, viene rappresentata la disabilità nel cinema? Il rapporto di “The Media, Diversity, & Social Change (MDSC) Initiative” del 2015 si basa sui 100 film di maggior successo in quell’anno negli USA. Ecco che cosa è emerso: 

  • Gli attori che convivono con una disabilità rappresentano solo il 2,4% di tutti i personaggi, considerando sia chi recita un copione sia chi fa da comparsa;
  • In 45 film su 100 non è prevista la presenza di un attore con disabilità che recita un copione;
  • Nel 61% dei casi è stata rappresentata una disabilità fisica, nel 37,1% una disabilità mentale o cognitiva, e nel 18,1% una disabilità comunicativa;
  • La disabilità viene raccontata in primis nei film d’azione/avventura (33.3%) seguiti da commedie (24.8%) e drammi (19%).  Solo il 2% di tutti i personaggi con disabilità sono apparsi in film d’animazione;
  • In soli 10 film su 100 la persona con disabilità era la protagonista o co-protagonista, mentre la maggior parte interpretavano ruoli di supporto (54,3%) o irrilevanti (32,4%);
  • Tra gli interpreti con disabilità solo il 19% era costituito da donne mentre l’81% da uomini.

Numeri ancora troppo bassi che ci portano a dire che il percorso di sensibilizzazione su queste tematiche è ancora lungo e deve essere rivolto per lo più a giornalisti, registi e produttori. Sicuramente la guida ‘Hollywood Disability Toolkit’ è un ottimo punto di partenza per aiutare i professionisti dell’intrattenimento a rappresentare nel modo corretto le persone con disabilità

Si tratta di un progetto realizzato da Respectability, un’organizzazione americana che da anni porta avanti una battaglia per combattere lo stigma e offrire nuove opportunità a chi convive con una disabilità.

WIMED PORTA L’INNOVAZIONE A BOLOGNA

La fiera Exposanità sarà un’importante occasione commerciale per Wimed

OSPITALITÀ INCLUSIVA: IL CASO DELL’ ALBERGO ETICO A ROMA

Il progetto è stato nominato tra le BCorp Best for the World del 2022

TUTTI AL MUSEO… IN LOMBARDIA!

Esplorando i musei accessibili della Lombardia sulle linee guida di un progetto di inclusione culturale

UN TAPPETINO INCLUSIVO PER UNA CUCINA SICURA

Smeg, con Invat, ha presentato un tappetino in silicone alimentare per consentire a chi ha difficoltà visive di cucinare in sicurezza

COMBATTERE OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE

Il 1° marzo ricorre la giornata che ricorda l’importanza di un impegno costante per l’equità e l’uguaglianza

UN VIAGGIO NEL BUIO

L’iniziativa di sensibilizzazione di Movi e Wimed presso l’Istituto dei Ciechi

SENIOR STARTUPPER: LA CREATIVITÀ NON HA ETÀ

Da ideatori di startup innovative al ruolo di mentore per i giovani

INSIEME PER COSTRUIRE IL TEAM

L’analisi del Sales Meeting 2024 di Wimed

I BENEFICI DELLE RELAZIONI FAMILIARI NEGLI ANZIANI

I nipoti come chiave per una vita prolungata e soluzione all’esclusione sociale

EASY TO READ

Accessibilità e inclusione per tutti