Nuoto, tra riabilitazione e socialità

Perché il nuoto rappresenta lo sport ideale in fase di riabilitazione

 

Nuoto, tra riabilitazione e socialità

Perché il nuoto rappresenta lo sport ideale in fase di riabilitazione

 

Il nuoto è uno sport completo e bilanciato, soprattutto quando si pratica in fase riabilitativa. A tal proposito, Patrizia Attorresi, Purchasing Specialist di Movi Spa – Divisione Wimed che dal 2001 è istruttrice di nuoto di primo livello per persone con disabilità motorie momentanee e/o permanenti e cognitive, afferma:

«Il nuoto è una disciplina adatta a tutti, agisce in modo armonico su tutto l’organismo senza provocare scompensi muscolari. Questo perché in acqua il peso corporeo si annulla e quindi la persona può muoversi più facilmente, senza ripercussioni sulle articolazioni. Come tutte le attività sportive, però, può essere controindicato in caso di patologie cardiache e va praticato con cautela da chi soffre di dolori osteoarticolari».

In base alla problematica e all’obiettivo che si vuole raggiungere, quindi, esistono diversi esercizi e metodi di insegnamento: nel caso di disabilità motorie temporanee, è importante focalizzarsi sul ripotenziamento muscolare così da riabilitare il muscolo e le articolazioni al movimento.

«Prima di iniziare ogni percorso riabilitativo analizzo attentamente il problema, basandomi anche sulle indicazioni fornite dalla cartella medica, e valuto cosa la persona è davvero in grado di fare. Si tratta di un passaggio fondamentale perché da un lato non bisogna avvertire dolore mentre si esegue l’esercizio e, dall’altro, non ci si deve sentire in difetto o incapaci».

L’aspetto psicologico è importantissimo e va tenuto in forte considerazione, soprattutto per chi ha disabilità fisiche e mentali non curabili.

«Il nuoto fa bene al fisico ma soprattutto alla mente perché consente alla persona di riacquisire autostima, consapevolezza del proprio corpo e delle proprie capacità. È anche un’ottima occasione di incontro e confronto con persone con problematiche simili o, in caso di corsi misti, normodotate».

Patrizia Attorresi

Purchasing Specialist Wimed

ASTROLAB: LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELLA RIABILITAZIONE

Il laboratorio di ricerca hi-tech per migliorare la riabilitazione dei bambini

GIORNATA MONDIALE DELLA CONSAPEVOLEZZA DELL’AUTISMO

In occasione della ricorrenza, WimedYou parla a 360 gradi del disturbo dello spettro autistico

LA DISABILITÀ NEI FILM

Come il mondo del cinema e dell’intrattenimento rappresenta la disabilità?