Intervista a Camilla Grandolini

Intervista a Camilla Grandolini

1. COSA TI HA SPINTO A COMINCIARE LA CARRIERA DI AGENTE?

Sono stata ispirata da mio padre (Antonio Grandolini, agente regione Lazio Wimed) che svolge questo mestiere da più di 25 anni e mi ha sempre affascinato il fatto che si tratti di un lavoro dinamico, mai noioso e in cui non ti senti costretto a restare fermo in ufficio tutti i giorni.

2. COME HAI VISSUTO I PRIMI MOMENTI DI FORMAZIONE?

Ho iniziato a fianco di Antonella Petroni (agente regione Lazio Wimed), che ha da sempre lavorato con mio padre seguendo i clienti di Roma e provincia.
Sono stati momenti decisamente interessanti, che mi hanno permesso di entrare nel vivo del lavoro grazie all’esperienza di Antonella: è stato impegnativo riuscire a instaurare un rapporto con i clienti, ma alla fine, grazie alla complicità instaurata con Antonella e con i clienti ho superato gli scogli iniziali e ora sono molto soddisfatta di come sono andate le cose.

3. COSA TI PIACE DI PIÙ DI QUESTO LAVORO?

Sicuramente il contatto con persone nuove e diverse, la dinamicità e il fatto che ogni giorno non è mai uguale a quello precedente.

4. QUALI SONO STATE LE DIFFICOLTÀ PIÙ GROSSE CHE HAI AFFRONTATO INIZIALMENTE?

Vista la mia giovane età, la sfida più grande è stata quella di convincere i clienti a fidarsi di me: si tratta comunque di persone con molta più esperienza di me nel settore ed è stato difficile vincere questo “scetticismo” iniziale nei miei confronti.
Superate queste difficoltà, dall’anno scorso ho iniziato a incontrare i clienti da sola e non più in affiancamento, soprattutto quelli con cui Antonella aveva rapporti meno frequenti e potevo già presentarmi io come persona diretta di riferimento.

5. IN CHE MODO CERCHI DI INSTAURARE UN BUON RAPPORTO CON I CLIENTI?

Cerco di essere sempre disponibile e presente, rispondendo subito alle loro richieste e telefonate. Li ascolto anche tanto, non solo riguardo questioni lavorative, ma anche personali.

6. COME MAI HAI SCELTO WIMED?

Wimed è un’azienda con una storia importante, conosciuta da tutti i clienti del settore, e con una grande solidità, di cui io mi fido completamente. Inoltre, tutto il personale Wimed è sempre molto presente sia con noi agenti che con i clienti: è un aspetto decisamente fondamentale che ci dà tranquillità, perché sappiamo che ci sono dei referenti su cui possiamo contare.

7. CHE OBIETTIVI TI SEI POSTA PER IL TUO FUTURO PROFESSIONALE?

Vorrei crescere nel mio lavoro e insieme a Wimed, rispondendo alle aspettative (e, se possibile, anche superarle) delle persone che hanno avuto fiducia in me fin dall’inizio e trovando sempre nuovi clienti con cui Wimed possa instaurare un rapporto di fiducia duraturo.

Camilla Grandolini

Come ti descriveresti?

Disponibile, precisa e solare.

COSA TI PIACE DI PIÙ DELLA TUA REGIONE?

Adoro la mia regione, in particolare la mia città, Roma. Sicuramente come ogni città ha dei pro e dei contro ad esempio il caos e il traffico, ma fortunatamente il mio lavoro mi permette di spostarmi anche in paesi di provincia molto più tranquilli, riuscendo a compensare le giornate caotiche di città, con la tranquillità dei paesaggi limitrofi.
Anche se sono di parte credo che Roma sia, a livello culturale, una delle città più belle, non la cambierei con nessun’altra.

rapporto_medico_paziente
IL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE, L’INIZIATIVA SIOT

La comunicazione è al centro della Giornata nazionale dell’ortopedia e traumatologia di SIOT

LA MOBILITÀ ACCESSIBILE SECONDO WIMED

Soluzioni, plus e caratteristiche dell’offerta di Wimed per garantire a tutti la capacità di movimento

PARALIMPIADI, PAROLA AI PROTAGONISTI

WimedYou svela i retroscena delle Paralimpiadi di Tokyo 2020 attraverso la voce degli atleti azzurri