Rapporto di coppia in terza età

Come gestire l’amore: dal rapporto duraturo, alla perdita del partner fino alla nuova relazione

Rapporto di coppia in terza età

Come gestire l’amore: dal rapporto duraturo, alla perdita del partner fino alla nuova relazione

Alla base di ogni rapporto di coppia esistono delle componenti essenziali che servono a mantenere viva una storia d’amore nel tempo, a qualsiasi età. Sì, perché anche le coppie in terza età possono concedersi gli stessi piaceri e desiderare le stesse attenzioni dei più giovani. L’importante è farlo a piccole dosi e con la consapevolezza dei rispettivi limiti.

L’avanzare dell’età quindi non deve impedire alle persone di prendersi cura di sé, attraverso una buona alimentazione o il vestiario, e dell’altra persona. È importante trovare sempre degli spazi per la coppia, rinnovarsi insieme con nuovi progetti ed esperienze, sorprendersi reciprocamente e non rinunciare all’intimità e alla sessualità.

Ecco un esempio concreto: quando la coppia di anziani organizza gite fuori porta o cene romantiche deve assicurarsi di non essere disturbata e quindi avvisare per tempo i figli di non poter badare ai nipoti.

Un aspetto che sicuramente accomuna le relazioni in terza età è la durata: spesso le due persone si sono conosciute in adolescenza e hanno trascorso tutta la vita insieme. Per questo, diventa ancora più difficile affrontare l’eventuale perdita del partner, che va gestita dal punto di vista emotivo e pratico.

Negli anni ’70 la psichiatra Elisabeth Kübler-Ross ha identificato cinque fasi dell’elaborazione del lutto:

  1. negazione: la persona non accetta la perdita del partner e continua a comportarsi come se fosse ancora presente (ad esempio apparecchia per due a tavola);
  2. rabbia: sfoga il suo sentimento verso l’ambiente esterno o contro sé stesso, incolpandosi di ciò che è successo;
  3. patteggiamento: è la fase in cui la persona viene travolta dai sensi di colpa;
  4. depressione: a questo punto la persona si rende conto che l’altra non c’è più e quindi subentra uno scoramento personale;
  5. accettazione: l’ultima fase prevede la metabolizzazione del lutto e si raggiunge normalmente dopo un anno dalla perdita negli adulti e dopo sei mesi nei minori.

Per affrontare e superare ci si può aiutare anche con qualche esercizio semplice ma efficace in cui spesso è prevista la scrittura: questa può essere usata come vera e propria valvola di sfogo per la rabbia o per esternare sensi di colpa e rimorsi fino a quando non ci si sente “sazi”.

L’accettazione del lutto è fondamentale per poter proseguire la propria vita, senza sentirsi in difetto a coltivare nuovi interessi e, perché no, nuovi amori. Sarò in grado di poter amare ancora? È la classica domanda che si pone una persona over 65 di fronte alla possibilità di una nuova relazione.

All’impedimento di natura emotiva, però, si somma quello fisico, legato alla sfera sessuale o a circostanze esterne. La famiglia, ad esempio, spesso si intromette per paura che il proprio familiare possa soffrire o per timore di perdere la figura che si prende cura dei nipoti.

Superando questi aspetti, come aprirsi a una nuova storia d’amore? Sicuramente bisogna:

  • avere una buona apertura emozionale;
  • vivere la sessualità senza imbarazzi e consapevoli della propria età e fisicità, cercando comunque il piacere;
  • sfruttare la propria esperienza di vita per limitare le conflittualità emotive, come la possessività o la gelosia, che nuocciono al rapporto di coppia.
fabio de santis

Fabio De Santis
Psicologo e Psicoterapeuta a Roma, esperto in psiconcologia e in psicologia dell’invecchiamento, iscritto
all’Albo degli Psicologi del Lazio n.18035.
Autore del canale Youtube “Vivi meglio con la psicologia” e
coautore del libro “L’Arte e la Scienza dell’autostima” (Autoedizione, 2020, pag. 81 – 17,65€).

5 ATTIVITÀ PER MIGLIORARE LA MEMORIA

Stimolare la funzione cognitiva man mano che l’età avanza può fare la differenza per migliorare le prestazioni mentali

LA DIETA MEDITERRANEA, STILE DI VITA PER LA TERZA ETÀ

Protegge dall’insorgenza di malattie croniche e contribuisce a garantire una vita sana e attiva

I BENEFICI DELLE RELAZIONI FAMILIARI NEGLI ANZIANI

I nipoti come chiave per una vita prolungata e soluzione all’esclusione sociale