Arriva Levantis, la poltrona rivoluzionaria

Origini, plus e caratteristiche del nuovo dispositivo medico ideato e prodotto dal gruppo Movi Spa

Arriva Levantis, la poltrona rivoluzionaria

Origini, plus e caratteristiche del nuovo dispositivo medico ideato e prodotto dal gruppo Movi Spa

Comfort, accoglienza e contenimento. Sono questi i tre principi guida alla base di Levantis, il nuovo prodotto targato Movi nonché prima poltrona che soddisfa tutte le esigenze dei pazienti fragili con patologie come Alzheimer o demenza senile.


Un progetto che nasce da un’esigenza di mercato emersa nel corso di una serie di incontri, approfondimenti e analisi svolti dall’azienda e da Movirelax, società nata nel 2017 dalla partnership tra Movi e Multirelax Italia Srl, leader nella produzione di poltrone relax Made in Italy. A tal proposito Stefano Frongia, Marketing & Sales Manager di Movirelax, afferma:

«I nostri clienti erano tutti d’accordo sulla necessità di avere una poltrona capace di garantire l’accoglimento e la sicurezza della persona. Per questo abbiamo deciso di chiedere direttamente a loro una lista di caratteristiche che il nuovo prodotto avrebbe dovuto avere»

Da queste deriva anche la scelta del nome, che riprende sia il concetto di sollevare ma anche il senso di leggerezza (alludendo al vento di Levante) attraverso un termine latineggiante che riporta quindi anche alle
origini italiane del prodotto.

Sì, perché per la prima volta Movi, leader nella distribuzione di dispositivi medici nel mercato italiano, si cimenta nella produzione diretta. Daniela Biolo, Product Manager della divisione Critical Care di Movi e Project Leader del progetto Levantis, spiega il motivo di questa scelta:

«Riuscire a qualificarsi anche come produttori di questi dispositivi sarebbe un ulteriore passo in avanti per l’azienda visto che l’acquisizione di questo know how aprirebbe le porte a infinite nuove possibilità».

I plus di Levantis

Si diceva del sollevamento, e infatti un carattere distintivo di questa poltrona è la sua multifunzionalità, perché dalla posizione relax si può facilmente passare alla seduta letto o alla modalità carrozzina. In quest’ultimo caso, quindi, il paziente diventa totalmente trasportabile grazie alle sue dimensioni ridotte (70cm di larghezza braccioli compresi), e alla presenza di ruote ad azione elettrica molto performanti per gli spostamenti interni ed esterni.

«Le ruote di Levantis costituiscono un’ulteriore particolarità di prodotto – racconta Daniela Biolo – perché il loro sistema elettrico sostituisce quello manuale e consente di bloccarle in caso di necessità. Questo garantisce la massima sicurezza al paziente ma anche aiuta l’operatore sanitario».

Sempre in quest’ottica, ecco come la nuova poltrona Movi si adatta alle caratteristiche dell’utilizzatore e ai bisogni legati al prendersi cura di lui:

  • i braccioli sono completamente abbattibili, per consentire il passaggio dalla poltrona al letto senza nessun tipo di impedimento, ed ergonomici grazie all’altezza regolabile;
  • i tessuti sono biocompatibili, ipoallergenici, con ioni d’argento e idrorepellenti.

«Tra i desiderata degli operatori sanitari – aggiunge Stefano Frongia – un aspetto importante era la sanificazione del prodotto. Per facilitare questa procedura abbiamo pensato di rendere il sedile, lo schienale e il poggiatesta completamente rimovibili. Non solo. Sotto il sedile è presente una vaschetta con capacità di mezzo litro di liquido per evitare che questo vada a intaccare il motore e la meccanica della poltrona».

Il tocco di Movi

A tutti i plus di Levantis citati, però, vanno aggiunte anche quelle caratteristiche brevettate dal gruppo Movi S.p.A. Di cosa si tratta? Lo chiarisce la Project Leader:

«La posizione bascula, ovvero a culla con lo sguardo rivolto verso l’alto. Questo è un aspetto molto importante per i pazienti neurologicamente fragili perché favorisce una condizione di maggiore tranquillità visto che perdono i riferimenti e gli stimoli esterni. L’inclinatura della poltrona, inoltre, rende più difficile l’uscita quando la persona si agita o perde il controllo».

Il contenimento è invece l’altro brevetto di casa Movi previsto in tre punti della poltrona. Nello specifico, all’altezza:

  • dei braccioli, che possono essere inclinati di 15 gradi verso l’interno per abbracciare morbidamente la persona fragile, grazie alle imbottiture presenti nella parte alta;
  • del poggiatesta, regolabile in altezza e inclinazione e con la presenza di imbottiture laterali che consentono di appoggiare il capo;
  • in prossimità dei polpacci e caviglie, dove si possono sollevare delle alette per creare una sorta di argine laterale e contenere così la zona delle gambe.

Forte attenzione è stata riservata anche al design di Levantis, una poltrona estremamente bella e piacevole da vedere ma che comunque mantiene le linee di un dispositivo medico.

Il lancio di prodotto

Il gruppo di lavoro dedicato al progetto Levantis, composto da Daniela Biolo, Stefano Frongia e un consulente esterno esperto di innovazione, ha le idee ben chiare sui prossimi passi. L’obiettivo primario è l’ottenimento della certificazione CE come dispositivo medico classe 1 e, per farlo, Stefano Frongia spiega la necessità di:

«Definire il prototipo di tipo 1 così da sottoporlo ai test di usabilità, fondamentali per rilevare eventuali migliorie da applicare. Nel frattempo, però, porteremo Levantis alla fiera Rehacare International 2022 di settembre a Düsseldorf per una prima presentazione di prodotto. In occasione della fiera Medica di novembre, invece, avremo pronto il prototipo n. 2».

A quel punto, la certificazione dovrebbe arrivare agli inizi del 2023 per poi iniziare la commercializzazione della poltrona, di cui Movi risulterà essere il fabbricante mentre Movirelax la sede produttiva.

«Le aspettative commerciali – commenta Daniela Biolo – sono molto alte. Levantis ha tutte le caratteristiche per avere successo e per essere richiesta dalle rsa, centri per malati di Alzheimer o comunque tutte quelle strutture che accolgono pazienti fragili dal punto di vista fisico ma soprattutto cognitivo. Questo progetto, però, ha già dato tantissimo sia a noi del team che a Movi e sicuramente servirà per rilanciare Movirelax come realtà che offre prodotti made in Italy di alta tecnologia».

stefano frongia

Stefano Frongia

Marketing & Sales Manager di Movirelax

daniela biolo

Daniela Biolo

Product Manager divisione Critical Care di Movi

EXPOSANITÀ
RIPARTIAMO DA QUI

Il racconto dei tre giorni di fiera tra novità di prodotto, strategie commerciali e forti relazioni

CURARE L’UOMO

Essere precursori, fare la differenza mettendo al primo posto la cura dell’uomo. Questa la strategia del presidente di Movi

LA TESI
SU WIMED

Il lavoro su Wimed di Giulia Bassani, tra mente e cuore