A Tokyo con il nuoto paralimpico

La storia della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico e i suoi successi internazionali

A Tokyo con il nuoto paralimpico

La storia della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico e i suoi successi internazionali

Roberto Valori, Presidente della FINP (Federazione Italiana Nuoto Paralimpico), spiega a Wimed You la storia del nuoto come disciplina sportiva paralimpica:

«Il nuoto è una delle discipline storiche per gli sportivi disabili. Rientrava infatti nella prima selezione fatta dal neurologo e neurochirurgo tedesco Sir Ludwig Guttmann, fondatore negli Anni 40 delle moderne Paralimpiadi».

La Federazione nasce solo il 25 settembre del 2010 ed è riconosciuta dal Comitato Italiano Paralimpico, istituito nel 2005; per chiarire, il CIP corrisponde al CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) per gli atleti normodotati. Undici anni di storia e di risultati straordinari:

«Dopo aver vinto i Campionati Europei nel 2018 a Dublino, siamo diventati campioni del mondo a Londra nel 2019 contro 80 nazioni partecipanti. Ora ci siamo aggiudicati il medagliere open, ovvero aperto anche a nazioni extraeuropee, e il secondo posto alle spalle della fortissima Ucraina ai Campionati Europei di Funchal».

L’Italia si è aggiudicata ben 80 medaglie: 34 ori, 26 argenti e 20 bronzi. Una conferma della forza del team Azzurro nonostante le difficoltà legate all’emergenza Covid-19:

«Fortunatamente gli atleti di interesse nazionale non hanno mai smesso di allenarsi. CIP, infatti, ha sostenuto le società sportive che, con grande sacrificio, sono sempre riuscite a garantire gli stabilimenti aperti, nel pieno rispetto delle normative».


Ora, però, la FINP pensa alle Paralimpiadi di Tokyo, l’appuntamento sportivo più importante a livello mondiale:

«Ci presenteremo con ventinove slot, ovvero atleti, grazie alle performance registrate nel quadriennio precedente. La squadra per Tokyo verrà ufficialmente formata dal Commissario Tecnico a luglio, dopo i Campionati Italiani a Napoli».


Le gare paralimpiche inizieranno il 24 agosto per concludersi il 5 settembre. Gli atleti della FINP partiranno 10 giorni prima per partecipare al collegiale di ambientamento e preparazione pre-paralimpico presso la Comunità di Sendai, vicino a Tokyo.

«Il pronostico del numero di medaglie lo fa il CT prima di partire. Ovviamente uscendo da Campioni del Mondo e con ottimi risultati agli Europei, ci sono tutti i presupposti per fare bene».



Via delle Tre Fontane, 25 – 00144 Roma

06 83531232

www.finp.it

@FederazioneItalianaNuotoParalimpico

FINP_nuotoparalimpico

FINP allarga gli orizzonti

A giugno è partita la prima tre giorni di Campionato Italiano di Serie A di pallanuoto nella piscina della sede della Federazione. Sette squadre, provenienti da tutta Italia e composte da persone con diversi livelli di disabilità, si sono scontrate per la prima volta. Solo così la FINP può capire quali possono essere le classificazioni per dare pari opportunità a tutte le squadre.
In occasione dei Campionati Italiani di luglio, invece, ci sarà una dimostrazione di tuffi di due tuffatrici della Federazione.

L’ETÀ SILVER

Vera risorsa per comunità e famiglie, gli anziani dell’età silver sono al centro delle dinamiche socio-economiche

PARALIMPIADI, UN SUCCESSO SENZA PRECEDENTI

Performance strabilianti per gli atleti azzurri alle Paralimpiadi di Tokyo 2020

TRIATHLON: PARTE IL GIRO D’ITALIA SOLIDALE

L’iniziativa dell’estate rivolta a persone con disabilità per approcciarsi al triathlon

ROBYDAMATTI: NON SOLO SPORT AGONISTICO

Lo sport, a qualsiasi livello, è sinonimo di rivincita personale e strumento per superare i propri limiti

MANUEL BORTUZZO: LO SPORT, LA MIA SALVEZZA

La straordinaria vicenda umana e sportiva di Bortuzzo e i suoi progetti per il futuro